Generazione Reebot, ricomincio da me

Se hai trovato interessante l'articolo, puoi condividerlo

C’è una nuova generazione, si chiama “Reebot“, che significa “riavvio” e si riferisce alle persone che raggiungono il picco di creatività intorno ai 50 anni. Le appartenenti a questa “nuova generazione” sono prevalentemente donne, che decidono di disegnarsi una nuova vita, con nuove esperienze professionali.

Ci siamo anche noi!

Così dopo i Millenials, la generazione x, y, zeta, ci siamo anche noi, donne che, dopo aver accumulate tante esperienze personali, in famiglia, in azienda, abbiamo ancora molto da dire, da fare. Non dobbiamo più dimostrare chi siamo, affermarci, farci apprezzare. Possiamo pensare a noi stesse, dedicarci del tempo, attenzione, in breve amarci di più e quindi concederci di poter realizzare sogni o progetti che sono stati tanti anni chiusi nel cassetto.  Possono essere stati eventi negativi che ci hanno condotto a nuove scelte ( vi ricordate Rose,  la protagonista del libro della Catherine Dunne, “La metà di niente”?). Oppure anche la voglia di rimettersi in gioco. La creatività è la molla della generazione Reebot. Come dicevamo, liberate dal giogo di dimostrare che si è persone di valore, con un ruolo soprattutto in azienda, possiamo avventurarci ed esplorare nuove strade. Ovviamente è la passione che ci guida. Trovare e capire che cosa ci abbia sempre appassionato ci aiuta a trovare la strada giusta.

Esistono due cicli di creatività

 

Uno studio dell’Ohio State University, che ha analizzato i lavori dei premi Nobel, ha scoperto che esistono due cicli di creatività. Alcuni raggiungono il picco creativo tra i venti e i trent’anni, altri ci arrivano non prima dei cinquanta. La ricerca dell’Ohio State University dice anche che, mentre i venti, trentenni tendono a superare i limiti, i cinquantenni possono attingere alla loro esperienze.  L’ufficio statistico del Regno Unito ha registrato che il 57 per cento degli over 50 lavorano in proprio. Si sa che l’esempio dei paesi anglosassoni viene poi anche preso nel nostro paese. Il trend sarà quindi il medesimo anche da noi. Anzi è già realtà. Nel 2018 il numero delle persone che tra i 51 e 64 anni hanno aperto un’attività in proprio sono stati 59mila, 7mila in più rispetto al 2009. E i numeri sono destinati a crescere,  soprattutto perché viviamo, sempre di più   in ambito business e aziendale,  in un mondo Vuca  dove regna la volatilità, incertezza, complessità, ambiguità. Quindi non si può non prescindere da noi stessi. Ripartire da noi. Ricomincio da me.

Ricomincio da me

Mettersi in ascolto dei propri talenti, delle proprie passioni. E’ questa la risposta per poter affrontare nuovi percorsi, nuove strade e nuove soddisfazioni. L’importante è essere consapevoli di ciò che sappiamo fare bene.  Provare a rispondere alla domanda: ” Se potessi scegliere liberamente, senza alcuni condizionamenti, che cosa mi piacerebbe fare?” Quante volta ci siamo posti questa domanda? Poche, troppo poche. Abbiamo troppo spesso intrapreso strade che non corrispondevano ai nostri veri desideri. Abbiamo fatto scelte perché condizionati da quelle  di altri e soprattutto da giudizi di altri. Arrivati a 50 anni ci si può riappropriare della propria vita e finalmente portare a termine ciò che ci è sempre piaciuto. Magari per anni è stato solo un hobby: perché non trasformarlo ora in una vera e propria attività?

L’amore per la cucina

mom home bakery communityIl più delle volte la vera passione è la cucina. Ci sono sempre più casi di successo che raccontano di donne che da passione hanno trasformato la cucina in attività, aprendo una microimpresa domestica. La nostra amica Sonia Peronaci ha un’infinità di followers, e tra queste molte hanno seguito il suo esempio e aperto micro attività imprenditoriali.  Un esempio lo abbiamo anche in “casa” : il progetto di Mom Home Bakery Community, che aiuta le persone ad aprire la propria micro impresa. Sono numerosissime le donne, ma anche gli uomini che chiedono assistenza alla nostra cara Enza per poter avviare la loro start up.

Dalla parte dell’età, nella generazione Reebot  c’è anche una forza in più. Abbiamo una freccia in più nel nostro arco. Non abbiamo più la paura del fallimento. Abbiamo superato tante prove : il matrimonio, i figli, il lavoro, i successi. Di che cosa dobbiamo avere paura? Siamo immuni dal timore di sbagliare. E poi anche se dovessimo commettere qualche errore, che cosa ci può succedere? Spesso siamo noi che ci mettiamo in una gabbia. Le nostre convinzioni autolimitanti ci impediscono di vedere che cosa è veramente un bene per noi. Impariamo a riconoscere i nostri successi, il nostro valore. Esaminiamo quelli che sono stati i nostri traguardi e così ci rendiamo subito conto che la nostra vita è stata costellata di grandi azioni, di grandi risultati. Impariamo a valutare quanto valiamo davvero. Trarremo forza dalle nostre capacità, dal nostro enorme potenziale. Non dobbiamo abbiamo paura di quello che ci riserva il futuro. Usciamo dalla nostra zona di comfort. La vita incomincia a 50 anni: non diceva così la tradizione? Perché non credere alla saggezza popolare? La generazione Reebot ne è una prova.

 

 

Se hai trovato interessante l'articolo, puoi condividerlo

Un commento su “Generazione Reebot, ricomincio da me

I commenti sono chiusi.

No! Se mi lasci non vale!

...almeno

SEGUIMI SU INSTAGRAM